lingua:

JASPER STADHOUDERS, THE INTERNATIONAL NOTHING

martedì 13 settembre 21:00


Dobialab ospita una lezione / concerto con alcuni dei più interessanti esponenti della musica creativa berlinese:
THE INTERNATIONAL NOTHING
Kai Fagaschinski - clarinetto
Michael Thieke - clarinetto
JASPER STADHOUDERS
chitarra elettrica
Kai Fagaschinski e Michael Thieke (THE INTERNATIONAL NOTHING) hanno iniziato a lavorare insieme come duo di clarinetti 22 anni fa. Insieme compongono sculture sonore multistrato utilizzando multifoni, frequenze ritmiche e toni differenziali come parti integranti del loro linguaggio. Il duo ha pubblicato sei album con l'etichetta giapponese Ftarri e si è esibito in Europa, Asia orientale, Nord e Sud America. Nel 2003 sono passati dall'improvvisazione libera alla composizione di brani con un'enfasi sul materiale tonale. In una sorta di stile da organo a fiato, combinano i due clarinetti in un unico suono complesso, spesso contenente più di due voci. Le composizioni sono calde e rallentate e potrebbero essere paragonate alla musica elettronica. I clarinettisti sviluppano sempre insieme le loro composizioni. La musica non nasce nella testa di un solo musicista, ma si basa sulle orecchie di entrambi e su un lungo processo di tentativi, errori, modifiche e sviluppo delle idee nel corso di molte prove, fino a quando il brano assume la sua forma definitiva.
Il clarinettista, compositore e performer berlinese KAI FAGASCHINSKI (1974) si concentra sulla sottile musicalità del rumore. La sua musica è caratterizzata da una sottile astrazione ed espressione, strutturata dalla sottigliezza e dalla lontana presenza/involucro della melodia. Fagaschinski lavora ai confini della composizione, dell'improvvisazione e del concettualismo, privilegiando collaborazioni più lunghe e discussioni in ensemble musicali permanenti. Tra i progetti personalmente significativi degli esordi, il decet sperimentale (non) musicale Twete De Ojaldi (tra il 1994 e il 1995) e il piccolo duo musicale Zwybaky con il violinista Gerhard Uebele (tra il 1998 e il 2001). È curatore di una serie di concerti al Raumschiff Zitrone di Berlino-Prenzlauer Berg. Le sue opere sono state pubblicate da Erstwhile, Mikroton, Ftarri, Charhizma e Creative Sources. /  http://kylie.klingt.org
MICHAEL THIEKE (1971) si trova a suo agio in una varietà di ambienti musicali, come composizioni sperimentali, progetti di composizione collettiva, gruppi di improvvisazione e musica alla periferia del jazz. Esplora frammenti di suono, tono e rumore, con un particolare interesse per la microtonalità e i fenomeni sonori correlati. La sua ricerca si concentra anche sulle caratteristiche della lentezza. Preferisce le collaborazioni a lungo termine e il lavoro collettivo. Thieke è attualmente impegnato in una serie di progetti che si concentrano su aspetti diversi e contrastanti del suo impegno musicale; alcuni dei suoi gruppi di lavoro includono The Pitch (con Boris Baltschun, Koen Nutters e Morten J. Olsen), Porta Chiusa (con Paedo Conca e Hans Koch), il Voutchkova/Thieke Duo (con Biliana Voutchkova) e la Splitter Orchestra. /
http://www.michael-thieke.de
Jasper Stadhouders (Tilburg, NL, 1989) è un chitarrista, bassista, improvvisatore, compositore, bandleader e organizzatore di concerti. È un membro attivo del circuito internazionale della musica improvvisata.
È membro del collettivo di musicisti DOEK, con sede ad Amsterdam. Organizza l'annuale DOEK Festival ad Amsterdam.
Jasper guida la PolyBand, che ha fondato nel 2015. La PolyBand è composta da un gruppo in continua espansione di musicisti e performer in formazioni e dimensioni variabili che si concentrano su cicli poliritmici, politonalità e forme lunghe simili alla trance. Nel 2019 Jasper ha ricevuto una commissione dal prestigioso festival Gaudeamus Muziekweek (Utrecht, NL) per comporre un'opera completamente nuova per una versione a 16 elementi della PolyBand, che sarà presentata in anteprima nel settembre 2019.
Al 2015 Incubate Festival (Tilburg, NL), durante una residenza di 6 giorni, ha guidato l'International Improv Ensemble di Jasper Stadhouders. Ha inoltre formato il 5tet Oliver / Stadhouders / Vitols / Rosaly / 't Hart, che ha debuttato al DOEK Festival 2018.
È cofondatore di Cactus Truck, Trio Stadhouders / Govaert / De Joode + Delius, Trio Rempis / Stadhouders / Rosaly, Shelter, Bazooka, Practical Music, e suona in band come Spinifex, i gruppi Made To Break, Entr'Acte e Next International di Ken Vandermark, Retirement Overdue di Jaap Blonk, Bacchanalia, o k a p i e Orquesta del Tiempo Perdido di Jeroen Kimman. Nel 2014, i The Ex hanno invitato Jasper a partecipare all'ultimo tour della grande leggenda etiope del sassofono Getatchew Mekuria ad Addis Abeba. Inoltre, Jasper ha lavorato con le compagnie teatrali De Warme Winkel, Nieuw-West e Freek Vielen. Ha eseguito musiche contemporanee composte da Steve Reich, Michael Gordon, Barbara Ellison e Genevieve Murphy. Ha suonato con Han Bennink, Ab Baars, Paal Nilssen-Love, Marshall Allen, Hamid Drake, C. Spencer Yeh, Akira Sakata, Noel Redding, Andrew D'Angelo, Roy Campbell (R.I.P.), Jeb Bishop, Mars Williams, Priya Purushothaman, Kaja Draksler, Johannes Bauer (R.I.P.), The Ex. I.P.), The Ex, Fendika, Getatchew Mekuria (R.I.P.), Ingebrigt Håker Flaten, Michael Vatcher, Marc Ducret, Jozef Dumoulin, Magda Mayas, Mette Rasmussen, Nate Wooley, Valerio Tricoli, Tom Rainey, Mark Sanders, Emilio Gordoa, Dirar Kalash, Christian Lillinger, Michiyo Yagi e molti altri.
Jasper ha effettuato numerose tournée in tutta Europa, Nord America e Russia, e si è esibito anche in Etiopia, India, Giappone, Messico, Argentina e Palestina.